05 Dicembre 2021
visibility

Capo di fiume - Scigliati 3-1. La cronaca.

20-05-2013 15:17 - Spartacus Paestum
CAPACCIO SCALO. Partita molto calda in tutti i sensi quella che, alle 16 di un torrido sabato di maggio, si appresta a cominciare in un "Mario Vecchio" gremito di sostenitori intrepidi che preferiscono i propri beniamini alla salsedine del litorale sabbioso pestano, più corroborante di certo rispetto alla piccola serra creatasi sugli spalti. La squadra di Pecora al 3´ si rende subito pericolosa con un´azione impostata dalla difesa, lo Scigliati perde palla a centrocampo e Giannatiempo, che arpiona la sfera, pesca subito Salerno con un cross lungo, l´attaccante però si allunga troppo la palla e il difensore recupera senza patemi. Al 16´ il vantaggio dei padroni di casa. Punizione dal limite battuta a due, Sangiovanni spara un siluro terra-aria che si insacca inesorabile per un gollonzo di balotelliana memoria. Botta e risposta degli ospiti al 23´: disattenzione difensiva, l´attaccante ruba palla, entra in area e passa la palla al compagno che indisturbato segna l´1-1. Ci prova ancora con veemenza lo Scigliati al 37´ con un tiro dalla distanza di poco a lato. Da segnalare cinque minuti più tardi un parapiglia in area scoppiato fra attaccanti capofiumesi e difensori ospiti, culminato dall´ammonizione comminata a Salerno per proteste. Il secondo tempo si apre con Galardi dentro per Pisani nell´11 di Pecora. 6´ minuto, attacco Scigliati. La punta di diamante si beve un dirimpettaio con una finta, entra in area, ma il tiro non è preciso e non centra la porta di un niente. 11´, ancora un´azione pericolosa dello Scigliati; su un rilancio l´attaccante viene pescato solo, s´invola verso la porta ma il portiere respinge il tiro con il piede, un vero e proprio miracolo che salva il risultato; capovolgimento di fronte immediato, Galardi sale sulla fascia, entra in area, scarica sul liberissimo Salerno che stoppa con difficoltà, il portiere però non si fa trovare impreparato e sventa con un´uscita provvidenziale. Partita che a questo punto subisce un fisiologico rallentamento dei ritmi, dovuto per lo più al gran caldo che attanaglia tutti gli attori della commedia e alla polvere del campo che, alzandosi ad ogni azione, crea problemi respiratori ai giocatori che faticano non poco a restare lucidi. Al 36´ su rilancio della difesa, Catania riceve palla e, a tu per tu col portiere, decide di tirare da fuori area ma il tiro finisce alto molto al di sopra della trasversale. Curioso il fatto che due minuti dopo lo stesso tipo di azione venga replicato dallo Scigliati. Momento chiave al 40´: Giannatiempo su punizione da 25 metri tira di potenza e marca il cartellino segnando con una conclusione che passa sotto le gambe del portiere. Addirittura nel recupero, al 46´, il Capo di fiume arrotonda il risultato con un gran gol dell´"eroe" Spirito, subentrato a Minella: Galardi dalla sinistra mette in mezzo, il difensore stoppa male e la sfera finisce sui piedi del beniamino di Capaccio Scalo il quale, di prima intenzione, spara una bordata dal limite che decreta il 3-1 finale. Il Capo di fiume sale a 22 punti, ma mantiene ancora il 10° posto, distante dal Torchiara ancora 7 punti. L´appunto finale riguarda il campo. Può anche passare per il rotto della cuffia la praticabilità con la stagione delle piogge, in generale le pozze che si vengono a creare non sono pericolosissime, anche se restano un problema al fine del corretto svolgimento delle dinamiche in più punti del rettangolo di gioco, ma d´estate ecco che si affiora il disastro completo: nuvoloni di polvere che si alzano sia per il vento che per le azioni di gioco e terreno battuto sdrucciolevole sono inconcepibili per una struttura che ospita ben 8 società calcistiche, nonché molte scuole calcio del circondario e per questo urge al più presto una rizollatura totale, magari con erba sintetica, in modo da garantire quantomeno l´incolumità dei calciatori e con buona pace delle alte sfere dirigenziali del comune ospitante.

FORMAZIONE CAPO DI FIUME (3-4-3): Pecora; Minella (Nigro, 81´), Sangiovanni, Pierno, Desiderio (Taddeo 75´); Pisani (Galardi 46´s.t.), Criscuolo, Gnazzo; Giannatiempo, Catania (Spirito 90´), Salerno. All Pecora.
Marcatori: 16´ Sangiovanni, 23´ Rizzo (SC), 85´ Giannatiempo, 91´ Spirito.

Stefano D´Amore






REDAZIONE PAESTUM IN RETE



Fonte: REDAZIONE PAESTUM IN RETE

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

cookie