01 Ottobre 2020
News

E´ CAOS NELL´AGROPOLI CAPOLISTA: GIOCATORI CONTRO IL LORO COMPAGNO AGATA

08-12-2011 11:47 - US Agropoli 1921
Agropoli.Tanto tuonò che piovve. Le avvisaglie c´erano già state ma l´altro ieri alla ripresa degli allenamenti si è sfiorata la rissa nello spogliatoio dell´Agropoli. Alcuni senatori della squadra si sono ribellati ad Agata e lo hanno duramente rimproverato per alcuni atteggiamenti che il fantasista napoletano avrebbe avuto dopo la sconfitta di Sarno e durante gli allenamenti. Ora arriveranno le smentite, i soliti comunicati per cercare di coprire l´ennesima querelle. Da tempo il fuoco covava sotto la cenere ma la sconfitta di Sarno è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso anche perchè in città tra l´opinione pubblica il comportamento di Agata non va giù a nessuno e a questo punto non sembra nemmeno un caso o un fatto tecnico che il presidente Cerruti a più riprese ha messo Agata in lista di sbarco. Non ha caso lo stesso Cerruti si era affrettato a far apparire la situazione tranquilla e sotto controllo ma di fatto è tutto il contrario. L´allenatore Tudisco ha praticamente perso il controllo del calciatore che secondo i soliti bene informati fa quello che vuole anche perchè lo considera un intoccabile e non riesce a frenarlo. Anche gli spifferi che escono dagli spogliatoi sono inquietanti perchè una squadra prima in classifica deve poter digerire senza affanni una sconfitta che rientra nella normalità delle cose anche se è difficile pensare che una squadra che vince a Cava poi crolla la domenica successiva sul campo di una pericolante, forse un calo psicologico o la mancanza di alternative valide viste le assenze hanno causato il crollo ma se si considera la posizione ancora sballata del miglior giocatore dell´Agropoli Landolfi schierato addirittura centrale difensivo. Tudisco ha le sue colpe nella sconfitta di Sarno, il reiterato utilizzo di Juliano basso a destra coincide con le sconfitte dell´Agropoli anche a Capaccio il giocatore era incappato in una giornata negativa e i goal arrivano sempre dalla sua parte dove di solito gioca Landolfi. A Cava aveva giocato discretamente ma non era piaciuto alla squadra ma l´allenatore come mai continua ad insistere su una mossa tatticamente controproducente?E poi perchè tenere ancora fuori Malandrino giocatore affidabile e di ruolo? Certo Tudisco con l´organico che ha sta facendo un miracolo ma il giocattolo rischia di rompersi se non si provvede immediatamente magari con operazioni di mercato che il presidente Cerruti ha individuato bene cioè la rinuncia a Sileno e Agata ma è troppo forte della pressione del presidente ombra Giuseppe Nunziata l quale ha già annunciato l´utilizzo del nuovo acquisto Formidabile per domenica prossima e ora si mette a fare anche l´allenatore.

Fonte: www.tgunit.it Paolo Fusco

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio