24 Maggio 2022
visibility
News
percorso: Home > News > Calcio > 3° Categoria

E´ GIUNTA L´ORA DI DARSI UNA CALMATA...

26-05-2013 15:56 - 3° Categoria
Come si può arrivare a tanto...perchè mai nel 2013 bisogna dar vita ad uno spettacolo talmente indecente che mal si sposa con quelle che dovrebbero essere le dinamiche e lo spirito di un campionato amatoriale come quello di terza categoria...con quale coraggio e supportati da quale fervore possono arrivare a malmenarsi ragazzi che vivono gli stessi contesti sociali, che calpestano le strade della stessa terra, che a volte sono uniti anche da vincoli parentali e che, soprattutto, lo fanno in nome di una partita di calcio, di un gioco che ha smesso, qui a Capaccio, di essere tale. Non ci sono in queste vicende individui che hanno ragione...c´è solo tanta pochezza, infinita mediocrità: c´è da riflettere sul significato vergognoso di una circostanza nella quale un signore di una certa età è stato preso a pugni e calci benchè ormai disteso al suolo. Ho voluto dire la mia dopo un lungo digiuno perchè questo avvenimento merita una severa sottolineatura. Non saranno le denunce a mettere una pietra su quella che è stata questa vomitevole manifestazione al Mario Vecchio, ciò che occorre davvero è che tutto ciò non venga dimenticato in breve tempo e che la coscienza dei dirigenti di tali squadre induca gli stessi a prendere decisioni drastiche sulla posizione dei propri tesserati e sulla loro effettiva riconferma all´interno degli organici. Ho raccolto alcune dichiarazioni di patron Tedesco che a poche ore dall´accaduto riferisce ciò: "Voglio mandare un segnale forte dichiarando la mia non appartenenza a simili spettacoli talmente efferati e volgari...ritiro la squadra da questo campionato per cui annuncio che il Cafasso non prenderà parte alle prossime due partite in calendario e rifletterò sull´accaduto meditando un repulisti generale: voglio che i miei atleti riflettano sull´accaduto e possano rimarcarne la gravità. Sono molto deluso e non intendo assolutamente ricercare il torto o la ragione...penso solo che le squadre coinvolte siano allo stesso modo colpevoli e debbano assumere provvedimenti molto rigidi". Mi allineo a quanto detto da patron Tedesco e mi auguro che anche gli amici del Real Laura, i cari fratelli Vigorito, possano condividere un tale pensiero. Diamoci una calmata...
ULTIM´ORA:Anche i fratelli VIGORITO del REAL LAURA sono sulla stessa lunghezza d´onda di ritirare la loro squadra dal campionato.

Fonte: Gaetano Fasolino

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

cookie