06 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

I RECUPERI DELLA 25a DI A

22-06-2020 12:35 - News Generiche
In questo weekend si sono svolti i quattro recuperi che hanno comunque coinvolto tutte le zone della classifica. Il Torino per quanto riguarda il modulo di formazione riparte dal suo 3-4-3 con Sirigu tra i pali, N’Koulou centrale di difesa affiancato da Izzo a destra e Bremer a sinistra. A centrocampo Rincon e Meitè, affiacati da Berenguer e De Silvestri, infine, il tridente d’attacco con Belotti, Zaza ed Edera. Il Parma risponde con il 4-3-3: Sepe a protezione della porta, Bruno Alves e Iacoponi i difensori centrali, Gagliolo e Darmian i terzini. Scozzarella a centrocampo con Kurtic alla sua sinistra e Kucka alla sua destra, infine, il tridente formato da Gervinho, Cornelius e Kulusevski. I granata prima dello stop forzato avevano subito una sconfitta a Milano contro il Milan, infatti la classifica non sorride alla squadra di Longo che si trova al quindicesimo posto, a due punti dalla zona retrocessione. Il Parma viene da una vittoria contro il Sassuolo e la posizione in classifica dice che i romagnoli sono a ridosso della zona europea ed ovviamente vogliono far sognare i loro tifosi. Torino-Parma termina 1-1, con la rete granata da parte di N’Koulou al 15’ minuto sugli sviluppi di un calcio d’angolo e la risposta da parte del Parma che arriva al 31’ con la rete di Kucka che viene servito da Gervinho e riesce ad insaccare dentro su una parata sfortunata di Sirigu. Quindi possiamo dire che è un pareggio che non accontenta nessuna delle due squadre, però lascia qualche speranza visto che ci sono altre dodici partite.
Passiamo alla partita del Bentegodi nella quale si affrontano Hellas Verona-Cagliari, i padroni di casa si schienano con il 3-4-2-1: Silvestri tra i pali, Kumbulla ( nel mirino di Lazio, Inter e Juventus) centrale di difesa, con Empereur terzino sinistro e Rrahmani terzino destro. A centrocampo Agyemang-Badu ed Amrabat ( prossimo probabile acquisto per la Fiorentina, Napoli beffato) centrali, affiancati da Lazovic e Faraoni, Verre e Borini (ex Milan) a sostegno dell’unica punta Di Carmine. I sardi ripartono da un nuovo allenatore, Walter Zenga, schierandosi con il 3-5-2: Cragno a difendere la porta cagliaritana, in Pisacane, Ceppitelli e Cacciatore. Cigarini centrale di centrocampo con Rog a sinistra e Nandez a destra, Ionita e Pellegrini le mezz’ale. Le due punte composte da Simeone e Pereiro. I veneti cercano i tre punti per ripartire con la giusta mentalità e continuare a coltivare il loro sogno chiamato Europa, mentre il Cagliari cercherà di vincere per tentare di risalire la classifica dopo un crollo clamoroso nei risultati ed riprendere nel migliore dei modi con l’esordio di Zenga. Il risultato della partita sorride ai veneti con un 2-1, che vincono grazie alla doppietta di Di Carmine in dodici minuti e una rete per il Cagliari da parte di Simeone che serve per rendere la sconfitta meno amara. Per il Verona la partita finisce anche in dieci per l’espulsione di Borini, ma anche i sardi con Cigarini, rimangono in dieci per la doppia ammonizione e conseguente espulsione.
Per quanto riguarda la partita di Bergamo, l’Atalanta vorrà ripartire subito forte come ormai ha fatto vedere in questi ultimi anni ed una vittoria contro il Sassuolo permetterà agli uomini di Gasperini di continuare ad allungare di altri tre punti sulla Roma di Fonseca. Ricordiamo che prima dello stop l’Atalanta ha totalizzato tre vittorie su tre, subendo quattro reti e realizzandone undici. Il Sassuolo con la vittoria in trasferta avrebbe la possibilità di fare un piccolo balzo in avanti piazzandosi dietro ai rossoneri ed ai crociati. I Bergamaschi si schierano con il 3-4-2-1: Gollini in porta, Caldara difensore centrale affiancato da Palomino a sinistra e Djimsiti a destra, Pasalic e De Roon i centrali di centrocampo affiancati da Gosens ed Hateboer, sulla trequarti Gomez e Freuler a supporto dell’unica punta Zapata. De Zerbi schiera il 4-2-3-1: Consigli a difendere la porta dei neroverdi, Marlon e Peluso i centrali di difesa, Toljan e Kyriakopoulos i terzini. Sulla mediana Bourabia e Locatelli, a centro campo Defrel affiancato da Berardi e Boga per aiutare Caputo come unica punta a portare a casa il risultato. L’esito della partita è completamente a favore dell’Atalanta che s’impone con un 4-1, con la rete di Djimsiti al 16’ che apre le danze sugli sviluppi di un calcio d’angolo da parte di Gomez, che pesca Caldara e quest’ultimo di testa serve lo svizzero-albanese che sottomisura insacca. Al 20’ rete di Gomez che però il Var annulla per un fallo di mano, quindi il risultato resta sull’1-0 per gli atalantini. Al 31’ Zapata fortunato dal ritardo di Consigli, in tuffo di testa mette nel sacco. Intorno al 37’ una mischia in area neroverde, Bourabia cerca di spazzare ma il pallone calciato da Gosens carambola sul mediano che si trascina la sfera in rete e l’Atalanta si porta sul 3-0. Arrivati al 66’ di nuovo Zapata di testa insacca grazie ad un ottimo cross su punizione. Al 90’+2’ Bourabia si fa perdonare segnando la rete del 4-1, ma ovviamente è inutile perché l’Atalanta vince con un poker.
L’ultimo recupero è Inter-Sampdoria e per i nerazzurri sarebbe molto importante vincere perché i tre punti permetterebbero alla squadra di Conte di portarsi a -6 dalla Juventus. Per quanto riguarda i blucerchiati la vittoria gli permetterebbe di allontanarsi leggermente dalla zona calda della classifica. L’Inter si schiera con il 3-4-1-2: Handanovic a protezione della porta, De Vrij difensore centrale affiancato da Bastoni e Skriniar. A centrocampo Barella e Gagliardini, con Young e Candreva sulle fasce, sulla trequarti Eriksen a supporto delle due punte Lukaku e Lautaro. Ranieri schiera il 4-3-2-1: Audero tra i pali, Yoshida e Colley difensori centrali, Bereszynski e Murru i terzini. Bertolacci mediano affiancato da Thorsby e Linetty, a centrocampo Jankto e Ramirez a supporto dell’unica punta La Gumina. Il risultato sorride ai nerazzurri che al 2’ aprono le marcature con Eriksen, ma il goal viene annullato per fuorigioco di Candreva che aveva servito l’assist proprio al danese. Il vantaggio interista non tarda ad arrivare perché al 10’ grazie ad un’azione tra Lautaro, Eriksen e Lukaku, proprio quest’ultimo insacca. Al 33’ Lautaro trova la rete del raddoppio a pochi passi dalla porta blucerchiata. Intorno al 53’ riapre la partita la Sampdoria con Thorsby ma le speranze della Doria si spengono negli ultimi secondi della partita per il possesso interista nella metà campo dei liguri.

Data 22/06/2020 Trentinara (SA) Paolantonio Alessandro



Fonte: Comunicato Stampa, Alessandro il nerazzurro

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account