13 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > Rubriche

LE LEGGENDE DEL CALCIO CAPACCESE (ieri ed oggi) : ANGELO ALESSIO

05-08-2011 13:39 - Rubriche
Operiamo un grande salto generazionale e andiamo a presentare il 4^ protagonista della nostra rubrica. Ovviamente non è necessario che ne decanti io le doti di professionalità, serietà, abnegazione e maniacale puntualità nelle attività che intraprende. Calciatore professionista ad altissimi livelli e poi allenatore e viceallenatore in diverse squadre di fama nazionale e internazionale...andiamo a parlare di ANGELO ALESSIO. Nasce il 29/04/1965 a Capaccio il calciatore che più di tutti è restato incompreso nel nostro territorio, fino alla sua definitiva affermazione nel calcio "che conta". Molti addetti ai lavori e grandi "soloni" dell´ambiente calcistico pestano avevano confinato il fuoriclasse nostrano in panchina nella squadra locale (l´allora US POSEIDON)... e ALESSIO poteva mettere in mostra le sue qualità saltuariamente, oppure nelle fila della squadra juniores. Ma la consacrazione e il grande salto di qualità per il talento capaccese avvenne nel 1982 anno in cui il SOLOFRA lo opzionò e si garantì le sue prestazioni.Gioca nelle giovanili del Solofra, esordendo tra i professionisti in Serie A, con l´AVELLINO, nel 1984, con cui vince il Torneo Estivo del 1986 segnando 6 gol (tra cui una doppietta nella finale di Benevento del 19 giugno 1986, il primo gol ed il terzo, quello decisivo nella sfida contro il Bari) che gli fruttano il titolo di vicecapocannoniere della manifestazione.Dopo tre stagioni in biancoverde arriva la chiamata della JUVENTUS. Veste la casacca bianconera dal 1987 (stesso anno in cui entra nel giro della Nazionale B) al 1992, con una parentesi di un anno in prestito al BOLOGNA dove tra l´altro è autore di una doppietta alla Juventus il 6 novembre 1988, nella sconfitta interna per 4-3 della quinta giornata d´andata e della rete vincente nell´incontro Bologna-Pescara (1-0) che sancisce la salvezza dei felsinei, segnando 11 gol.Dopo la parentesi bianconera torna a giocare in provincia, vestendo le maglie di BARI (ancora in Serie A) e poi COSENZA (in Serie B).Sceglie poi l´Avellino, per chiudere la propria carriera (1997), accettando la Serie C1. Segna anche il gol che regala la vittoria ai lupi in rimonta, contro il Palermo, allo stadio Partenio. Aveva già segnato nel turno casalingo del girone eliminatorio della Coppa Italia di Serie C.Chiude la sua carriera a MODENA, sempre in Serie C1, con cui firma un gol in 18 gare di campionato.
In carriera ANGELO ALESSIO può vantare la vittoria di una COPPA ITALIA ed una COPPA UEFA vinte entrambe nell´anno 1989/1990 con la casacca bianconera della JUVENTUS

Fonte: Gaetano Fasolino

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account