21 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

LETTERA APERTA A "MIO FRATELLO" DINO IANNUZZI

14-07-2011 13:32 - News Generiche
Il ricordo, se non assistito da un´adeguata capacità di controllo degli sbalzi emotivi, alla lunga non può far altro che logorare, sfinire, abbattere. Caro DINO fino ad oggi io, sotto l´ipocrisia del sorriso e nei miei dignitosissimi silenzi, ho sempre celato un dolore immenso ed una tristezza incalcolabile per la dipartita di quell´ENZO che, scusami se mi permetto, oltre che TUO noi non smetteremo mai di considerare anche NOSTRO. Fino a qualche tempo fa, ho faticato a recarmi al cimitero e la mia auto si costringeva a non percorrere più le vie di S.Venere e Cicerale perchè mal digerivo l´idea che in casa sua o sul posto di lavoro mi sarei imbattuto in una famiglia affranta o in una guardiola, per me, vuota. E ancor più non trovavo la forza di replicare a quegli sguardi spenti e disperati che la tua mamma mi rivolgeva quando la scontravo in strada. Poi, tutto d´un tratto, mi son fermato a riflettere sul fatto che nè ENZO nè TU vi sareste mai augurati una reazione del genere da parte delle persone che davvero tengono a Lui. Ho ripensato alle parole di tua cognata Francesca che mi ha detto: "Enzo ha parlato di calcio, di schemi e dei ragazzi che lo rendevano fiero di allenare....fino in punto di morte". Ebbene DINO noi abbiamo il diritto di dimostrargli che è cambiata soltanto la panchina dove LUI siede ad assistere alle nostre partite (oltretutto avrà una vista migliore) ma noi continuiamo e continueremo ad essere i SUOI RAGAZZI. Dino spero di incontrarti presto e di scambiare due chiacchiere sorseggiando un "pietoso" caffè di Quaglia...ma prima di lasciarti voglio ricordare, con un aneddoto, chi fosse ENZO IANNUZZI. Un giorno di febbraio, pioveva, lui mi chiama e dice: "Muoviti vieni alla guardiola...è urgente devo parlarti". Io prendo la macchina e mi fiondo...arrivo lì e gli dico: "Ma che è tutta stà fretta?"...e lui:" Senti devo parlarti.Sabato giochiamo e io già ne ho parlato con tuo padre... ti stai sobbarcando troppe responsabilità che non dovresti addossarti e sono due o tre partite che mi giochi male...." allora intervengo io..." sabato panchina?", e lui: "no, ma ti tolgo la 10 e la fascia di capitano almeno per un pò...devo farlo e tuo padre mi appoggia"...io sorrido e gli dico:"non possiamo sacrificare solo una delle due?" Lui,glaciale risponde "non se ne parla". Il sabato pomeriggio Enzo entra nello spogliatoio detta la formazione e mi ritrovo la 10 sulle spalle...poi si volta mi strizza l´occhio e mi fa: "muoviti capità,che dovete andarvi a riscaldare". Mentre i miei compagni si vestono io lo seguo fuori e gli dico: "Mister ma mò che è sta cosa...io non mi offendo..hai preferito dirmi alcune cose e io ne sono al corrente, ora perchè torni sui tuoi passi?" Lui, IL MIO UNICO INDIMENTICABILE MISTER mi rivolge una frase che riecheggerà sempre nelle mie orecchie, nella mia testa e nel mio cuore: "DOVEVO CAPIRE CHI FOSSE IL MIO CAPITANO, LA PERSONA DI CUI IO POSSA FIDARMI IN OGNI MOMENTO, L´UOMO CHE ACCETTEREBBE OGNI MIA SCELTA PERCHE´ MI RISPETTA, IL RAGAZZO CHE NON MI TRADIRA´ MAI". ENZO GRAZIE DI CUORE!!!ps...in questo portale si dovrebbe parlare sempre di calcio o di altri sport ma nel caso di DINO e di ENZO sarà il caso di dire che sono ben lieto di aver sfatato questo TABU´!!! (Nella foto, per chi non conoscesse Dino, è il secondo in alto a destra di fianco al portiere).

Fonte: Gaetano Fasolino

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio