28 Settembre 2020
News

MONTECORVINO/CAMPAGNA vs AGROPOLI A CURA DI SERGIO VESSICCHIO

19-12-2011 19:19 - US Agropoli 1921
Una strenna natalizia sontosuosa per l´Agropoli di Tudisco. 2-5 sul campo della diretta inseguitrice che ricorda la domenica precedente al natale dell´ultimo campionato vinto dall´Agropoli quando i delfini espugnarono Vallo della Lucania con la Gelbison diretta inseguitrice. Ieri i delfini hanno calato una cinquina che sa tanto di tombola. Infatti la squadra, priva del suo uomo migliore Landolfi lasciato ancora in panchina inspiegabilmente da Tudisco, ha vinto una gara tosta sotto una pioggia battente e davanti ad un grande pubblico. Partita subito bene la squadra di Tudisco sbaglia due occasioni con Di Giacomo. Il Montecorvino è rimasto spiazzato dall´inizio veemente della capolista, la quale ha sofferto proprio sull´out destro dove il tecnico indugia a schierare lo scadente Juliano addirittura lasciando in panchina Landolfi, il miglior giocatore a disposizione. I delfini materializzano la propria supremazia con il vantaggio di Mollo, lesto a mettere in rete sotto misura nonostante una vistosa tranttenuta che avrebbe portato al rigore. Subito la reazione del Montecorvino e pareggio di Zerillo appena entrato sugli sviluppi di un calcio d´angolo. La capolista barcolla e all´inizio della ripresa, Letizia, lanciato a rete viene travolto dal portiere:e´ rigore che il fantasista napoletano trasforma. Un minuto dopo Margiotta pareggia, a seguito di una bell´ azione di Agata,è prontissimo il giocatore agropolese la cui forza d´urto in questo campionato si sente eccome. IL Montecorvino crolla anche perchè Turco non si accorge che l´Agropoli è in evidente difficoltà sulla fascia destra dove Letizia avrebbe potuto sfondare ma il miglior giocatore della categoria rimane accentrato nonostante la presenza di Silva e Zerillo. I delfini trovano il goal su punizione, la prodezza balistica è di Montano che nel suo repertorio ha appunto i calci piazzati.
IL Montecorvino si ributta in avanti, saltano gli schemi e l´Agropli ne approfitta. Sale in cattedra D´Attilio,un under sul quale Tudisco sta scommettendo: il centrocampista biondo fa una sgroppata a tutto campo con il tiro vincente 2-4.Lo stesso D´Attilio spinge in rete dopo un azione di contropiede che vale la cinquina e conseguente apoteosi con i tifosi dell´Agropoli, questa volta giunti numerosi, a cantare l´inno dell´Agropoli " Il cielo è sempre più blu", issando sui pennoni di Campagna la foto del mai dimenticato Palluotto capo ultrà dell´Agropoli. Una gioia immensa per i calciatori tutti a correre dai sostenitori e dal sindaco e vice sindaco presenti sugli spalti. Una vittoria importantissima dopo quella di Cava e quella di Castellammare di Stabia in grado di mettere l´Agropoli in fuga. L´Agropoli è campione d´inverno meritatamente,un titolo platonico ma indicativo e sicuramente espressione dei valori visti fino a questo momento in campo. L´Agropoli ora diventa la favorita numero uno del campionato e deve confermare il trend positivo del girone di andata. Il presidente Cerruti spera di riportare allo stadio il pubblico storico di Agropolese, la squadra e la società per quanto hanno fatto vedere fino ad ora lo meritano, rimangono le ombre quelle ombre presenti e distruttive ,fantasmi di cui la città di Agropoli non riesce a liberarsi , la colpa di Cerruti è questa e Agropoli sembra non volerglielo perdonare.

Fonte: tgunit

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio