CIAO CARMINE.

05-09-2012 13:39 -

CAPACCIO. Carmine Pinto non ce l´ha fatta. All´alba di stamane, il suo cuore ha cessato di battere nel dolore incommensurabile di familiari, parenti ed amici. Il 17enne (nella foto) di Capaccio, giunto in condizioni disperate all´ospedale "Umberto I" di Nocera Inferiore dopo il tragico incidente di domenica pomeriggio scorsa, in località Gromola, era tenuto in vita artificialmente in sala rianimazione, dopo essere stato operato d´urgenza dall´equipe medica del nosocomio nocerino per il grave trauma cranico riportato nel violento impatto. Entrato in coma irreversibile, il ragazzo è spirato questa mattina dopo dopo aver lottato per due giorni tra la vita e la morte. Nessuna reazione cerebrale registrata, la sua vita era appesa ad un filo seppur sotto costante monitoraggio medico: troppo gravi le sue condizioni, purtroppo non c´è stato nulla da fare. Sotto choc l´intera comunità di Capaccio, in particolare i residenti di Gromola, dove Carmine, studente che si arrangiava lavorando ogni tanto come cameriere, era molto conosciuto. La salma è stata posta sotto sequestro dalla procura di Salerno al fine di accertare le cause del decesso attraverso l´esame autoptico: i funerali saranno fissati, a Capaccio, quando sarà rilasciata. Intanto, i carabinieri continuano nelle operazioni di ricostruzione per definire la dinamica dell´incidente. In meno di un mese e mezzo, è il quarto cittadino capaccese a perdere la vita in incidenti stradali avvenuti sul territorio comunale, dopo quelli in cui sono periti Carmelina Capo, Josè Mautone e Gerardo Procida.

Fonte: STILE TV