SORPRESA AL "MORRA":REAL TRENTINARA BLOCCATO IN CASA DAL SANT´AGNELLO.

22-12-2012 19:50 -

Il calcio non è una scienza esatta:molte volte è imprevedibile, il più forte non sempre vince.E forse è anche per questo che è lo sport più amato al Mondo.A Vallo della Lucania arriva un Sant´Agnello tutt´altro che pericoloso,vuoi per i giocatori, vuoi per il nome.Ma il Lupo Real questa volta non si è visto.Il trainer dei trentinaresi Voza deve rinunciare all´estremo difensore Mazza:esordio tra i pali dal primo minuto per Antonio Vinci. Renato Noce fa il terzino fluidificante, in attacco Francesco Pecora dal primo minuto affiancato da Sica.Sin dall´inizio non si vede il solito Real:manovra lenta e prevedibile.Renato Noce fa fallo al limite dell´area sulla destra:e dal calcio di punizione conseguente che arriva la doccia gelata:Di Donna sorprende la retroguardia giallorossa e porta in vantaggio il Sant´Agnello:è 0-1.Il Real appare nervoso e non incide in attacco, merito anche di un Sant´Agnello che gioca con 10 uomini dietro la palla.Il carattere però non manca mai a questa squadra, e il pareggio arriva su calcio d´angolo con la testa ancora convalescente di Paolo D´Andria.Chi si aspettava il crollo del Sant´Agnello ha subito un brusco risveglio:ancora un gol su palla da fermo, ancora su calcio d´angolo:questa volta è Serrapica a firmare l´incredibile 1-2.La ripresa si apre con un Real più propositivo, ma impacciato e che si affida a improbabili palle lunghe.Il Sant´Agnello è squadra modesta,ma che si difende in 11.Solo l´errore di un difensore permette a Sica di involarsi in area e trafiggere l´estremo difensore avversario:2-2.Il forcing finale dei trentinaresi non produce nulla,se non il grande rammarico per due punti sfumati via.Esordio in chiaroscuro per De Biase,espulso per uno sputo a un avversario.Il 2-2 odierno alla fine mantiene a 9 i risultati utili consecutivi, ma alla dirigenza non è piaciuto l´atteggiamento di due-tre giocatori:si aspettano sviluppi.Sarà comunque un Natale sereno per il club di Trentinara:31 punti in un girone di andata sono oro che cola.

Fonte: FRANCESCO VINCI