28 Gennaio 2023
visibility
News
percorso: Home > News > News Generiche

STORIA VERA E MERAVIGLIOSA DI PEPPINIELLO, UN CANE ABBANDONATO...

24-01-2023 08:38 - News Generiche
Vi presento Peppiniello, una commovente storia d'amore e di fedeltà.

Questa storia che scalda il cuore racconta di un anziano proprietario che muore e di una figlia che, all'insaputa della famiglia, abbandona un cucciolo in un quartiere lontano.

Peppiniello, piccolo ma veloce e agile, si mette alla ricerca della sua famiglia vagando per giorni in giro per Napoli con avvistamenti in diversi quartieri della città. Inizia una ricerca che si è diffusa sui social media il 12 gennaio.

Si segnalano i primi avvistamenti (mi capita di vederlo correre per il Vomero mentre sono a passeggio con i miei cani ed il giorno seguente scopro che c'è un post di una mia amica che come volontaria lo sta cercando) .

Una moltitudine di persone si innamorano del cucciolo e viene creato un gruppo whatsapp per segnalare gli avvistamenti.

Ansia, paura che possa non farcela, freddo e pioggia, tanta pioggia in questi giorni.

Volontari, animalisti, educatori cinofili e semplici cittadini si mettono alla ricerca del cane per metterlo in sicurezza, scatenando una grossa caccia al cane.

Peppiniello trascorre 11 terribili giorni al freddo, i volontari chiacchierano di avvistamenti, appostamenti, strategie, coordinamento e tentativi vani di acchiapparlo.

Peppiniello corre, corre da un lato all’altro della città muovendosi troppo velocemente. Affronta pericoli e riesce a scansare chiunque tenti di prenderlo. Lui è solo alla ricerca disperata dei suoi padroni e cerca di orientarsi in una città vasta e complessa come Napoli.

Fortunatamente compie un piccolo errore come tutti i latitanti: quasi tutte le sere torna a dormire nei pressi della fermata della metro di Montesanto.

Durante il giorno si sposta tra il centro storico, l’Arenella, il Vomero, San Martino, il lungomare e via Marina.

Poi succede un vero miracolo.

Il padrone morto aveva un’altra figlia, quella buona, che, venuta a conoscenza del gesto ignobile della sorella che senza curarsi della memoria del padre, aveva destinato il piccolo animale, unico legame con la figura paterna, ad un destino incerto.
La sorella buona quindi si presta assieme ai volontari a vari tentativi di riacciuffare Peppiniello.

Ieri mattina un ragazzo di Montesanto avvista il cane, avverte i volontari tenendo sott’occhio Peppiniello, arriva un gruppo di persone e la figlia buona del padrone morto che porta con se una giacca del padre.

Individuano il cane sotto un’auto parcheggiata, la figlia buona si avvicina lentamente, si abbassa, chiama Peppiniello mostrandogli la giacca.

Peppiniello incredulo va verso la figlia buona, odora la giacca e, tremante per l’emozione, si mette tra le braccia della sua nuova padroncina, la figlia buona…

Seguono in pochi minuti le lacrime e i messaggi di felicità di non so quante migliaia di persone sulla chat dedicata e i social media…

Di questa magnifica esperienza di vita se ne potrebbe fare un film.

Peppiniello, il nostro Hachiko partenopeo, esempio di fedeltà, amore, coraggio, da un lato e dall'altro perseveranza, resilienza, partecipazione, collaborazione, senso civico ed amore verso la natura e gli animali di tanti miei concittadini dall'altro.

Grazie Peppiniello, sei un bravo cane, il cane che ogni umano vorrebbe al suo fianco e ci hai insegnato tante cose, troppe forse per la nostra capacità limitata di comprendere le cose belle, quelle importanti!

Grazie a tutta la parte buona della città che ne ha consentito il recupero monitorando la situazione, girando per la città di giorno e di notte, col freddo e con la pioggia… e, infine, grazie anche alla figlia buona che, oltre ad aver salvato e adottato Peppiniello, ha riscattato la propria famiglia dall’onta subita e dalla gogna mediatica che i social spesso generano.

Fonte: Glauco Messina

Fonte: Radio Amore Campania, Glauco Messina

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh


cookie